Ecco quanto ci vuole per sviluppare una dipendenza nei confronti delle serie di Netflix

febbraio 24, 2017 Netflix

È la scienza a spiegarlo…

“Um, sì, a dire il vero sono piuttosto occupato questo weekend” è la reazione impulsiva che abbiamo quando i nostri amici/genitori/partner provano a pianificare il fine settimana quando tutto ciò di cui avete bisogno è guardare un solo episodio in più (o cinque) di Stranger Things. Quando sei ossessionato con un nuovo programma che è arrivato su un sito di streaming online, sembra quasi che la tua vita sociale si sposti su un piano secondario.

La buona notizia? A quanto pare, c’è una spiegazione scientifica dietro al nostro bisogno di abbuffarci ininterrottamente di serie come Gilmore Girls o Orange is the New Black. Analizzando le abitudini degli utenti, Netflix ha rilasciato i risultati di uno studio che ha rilevato il momento esatto in cui la nostra dipendenza da televisione subentra nella nostra vita quotidiana.

Tali scoperte hanno rivelato che bastano solo tre episodi di Stranger Things e di The Get Down di Bar Luhrmann, il dramma hip-hop degli anni ’70, ad allettare i telespettatori. Mentre per ossessionarsi a Making A Murderer ci vogliono 4 episodi, e per Gilmore Girls 7.

‘Abbiamo sempre saputo che c’è una caratteristica comune a tutte le grandi storie’, ha affermato Cindy Holland, vice presidente dei contenuti originali di Netflix. ‘Tali scoperte ci danno la sicurezza che c’è un grande appetito per i contenuti originali ed unici, ed è il motivo per cui siamo entusiasti di offrire una varietà di storie ai nostri membri, che si tratti di drammi politici francesi o tragedie musicali dal Bronx’.

Quindi, eccolo qui. Ora potete sentirvi meno in colpa quando recuperate gli episodi di American Horror Story stanotte, o quando aspettate con trepidante attesa il nuovo episodio di Riverdale, perché… uhm… non possiamo farci nulla, no? E con le nuove tragedie e i nuovi documentari in arrivo quest’autunno su Netflix, da The Crown ad Amanda Knox, ci stiamo preparando a molte serate al chiuso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Categorie